Boxing day

Per rifarsi dalla mancata giornata estiva del giorno prima siamo tornati a Bondi e questa volta il bel tempo l’ha fatto da padrone. (Ok, ora possono iniziare gli insulti). Ho così finalmente messo piede sulla sabbia e sul mare australiano per la prima volta! Che bella sabbia cavoli, bella grossa e dal colore lievemente rosato, altro che il polverone delle nostre spiaggie. Considerato il vento onnipresente è una bella fortuna che abbia questa consistenza. E poi il mare.. anzi, l’oceano. Prima volta che mi tuffo in questo genere d’acqua e mi accorgo subito che non è il mare di casa nostra, non tanto per la temperatura dell’acqua che mi aspettavo più fredda ma quanto per la potenza delle correnti. Provare per credere! Sei in totale balia delle onde e del loro “risucchio” e nonostante l’acqua ti arrivi al ginocchio fai una fatica bestiale per ritornare a riva perché le correnti sono fortissime e ti fanno perdere l’equilibrio per niente e ti trascinano via. Che figata! Un parcogiochi acquatico naturale. Ero come un bambino col suo nuovo giocattolo,
emozionatissimo e mi lanciavo contro ogni onda, le infrangevo (ma venivo sempre trascinato via), tentavo di nuotare sulle loro creste (ma puntualmente venivo inghiottito dalle stesse), le saltavo (solo alcune perché la maggior parte sono più alte di me!) e dopo 10 minuti me ne tornavo sui miei passi perché completamente sfiancato e con la lingua a penzoloni. Tempo di asciugarmi e ritrovare le forze e via di nuovo a combattere contro Nettuno! Ora si che mi è venuta voglia di provare a fare surf, di tentare a cavalcare quelle fantastiche onde.. dev’essere proprio un gusto farlo..

Il natale

Clima come da previsioni: nuvoloso!! Alla faccia di tutti quelli che mi invidiavano per il bel tempo… ma sono andato in spiaggia ugualmente. Non lo avessi mai fatto. A Bondi c’era un vento della madonna, freddo ed insistente, un ottimo cielo grigio e tuttavia tanta tanta gente. Proprio un Natale strano: non in famiglia, al mare, con il telo mare utilizzato come una copertina, la polizia che mentre ammonisce di non utilizzare alcolici in luoghi pubblici si fa fotografare insieme a gruppi di ragazzi ubriachi che alzano la bottiglia di birre al cielo… proprio una strana atmosfera! La giornata si è poi conclusa con una tanto desiderata doccia calda per ritemprarsi, una cenetta con i compagni d’ostello e lo stupore della mia faccia quasi ustionata a fine giornata. È proprio vero che qui gli UV sono “extreme” ogni giorno!

In ogni caso Buon Natale a tutti!!